Marcia su Roma un calcio più umano, per ora. Ma è scattata la corsa alla Presidenza

il Pianeta Lontano sul campo sta mettendo in scena un calcio umano. Significativo il minuto di raccoglimento: saranno i camici, sarà il ricordo di qualcosa di sconvolgente per giovani adulti, osannati, facile preda del sentirsi invincibili, ma si legge negli occhi la partecipazione.

Mercoledì è subito trofeo: Coppa Italia, che negli ultimi 15 anni ha riguadagnato la meritata importanza. Napoli-Juventus è un classico tormentone.

Salvo complicazioni per test fisici, si giocano la Palla al centro Paolo Valeri di Roma2 e Calvarese da Teramo. internazionale dal 2011. 42 anni, fisico e mestiere per Valeri. Ha 2 anni meno di Calvarese di Teramo, che diresse la semifinale di andata tra Inter e Napoli, e anche per scaramanzia agli azzurri non dispiacerebbe ritrovarlo. Anche per l’esercito di Nicchi e Rizzoli ripartenza difficile.

Abbiamo visto in generale non più di un’ora di autonomia, in Napoli-Inter colossi boccheggianti: su tutti De Vrji che ha chiesto il cambio trasfigurato da muscoli avvelenati. Lo stesso Rocchi ha chiuso con esperienza massima e muscoli refrigerati.

I 5 cambi aiutano anche se stravolgono di fatto le partite. Ma se è un male, sicuramente è necessario. In questi casi, la cazzimma è bianconera: una squadra che ha nel dna la freddezza del duello. Ma il Napoli di Gattuso è affamato. Ed è un monolite di idee, voglia, composto da squadra e tecnico. Differente il discorso per la Juventus, ammirata dal Sarri-pensiero ma non ancora felicemente in giostra come lo era il Napoli del Comandante diventato contractor.

Altra novità per la finale dell’Olimpico sarà un allargamento per le presenze, con protocollo ritoccato. Nulla ancora di ufficiale ma il campo neutro per definizione è casa x 2 e c’è da tener conto che Rai1 in diretta, considerando i milioni di telespettatori collegati per le due semifinali, c’è voglia di esserci per non dire di passerella. Insomma da 300 si passerà a 400 mettendo dentro illustri condomini dei Palazzi dello Sport e della Politica.

A, B e quel che resta della C sono ripartite. Che tutto possa proseguire senza allarmi. Il presidente FIGC ha glissato sfogliando le rassegne stampa che lo hanno definito vincitore dopo il Consiglio Federale dell’8 giugno scorso, in effetti la linea Gravina ha prevalso. Ma la battaglia per Seggiole & Poltrone è appena iniziata. Il presidente della potente Lega Dilettanti Cosimo Sibilia ha scandito che è presto, un anno prima, per parlare di candidatura alla presidenza FIGC che era del resto obiettivo dichiarato prima che Malagò si ritrovò con Damiano Tommasi che volle andare alla terza votazione facendo capire che i numeri non c’erano, e si arrivò al Commissariamento di Roberto Fabbricini, già Segretario Generale Coni e ancor prima dirigente di altissimo livello, capodelegazione Etc. Ma il Pianeta Lontano è un mondo a parte, e non servono solo doti. Ci fu freddezza tra Malagò e Sibilia, tornati invece a cinguettare al punto che l’ultimo Consiglio plenario della LND si è svolto nel salone d’onore del Coni, peraltro stabilendo una decisione davvero preziosa, importante per la base del calcio: 10 milioni di euro per i club più colpiti dl ciclone Covid, un’autentica portaerei di salvataggio che ha messo la museruola anche a qualche comitato, tipo quello della Lombardia, che scalciava per la decisione dello stop definitivo alla stagione.

Con i numeri in gioco, non c’erano le condizioni per ripartire in sicurezza. Ed è stata mossa saggia. Gravina, al di là delle alleanze, ha davanti un altro anno e soprattutto l’Europeo per impostare ls corsa alla riconferma. Ci sarà tempo per parlarne. L’ultima ci rimanda a napoli-juventus. l’ingorda società bianconera bisogna dire che ha anche l’abilità di ingoiare in silenzio polpette avvelenate, come noto dopo quel Perugia-Juve fatto ricominciare da Collina ben oltre l’umano limite di sospensione.  Stagione chiusa nel calcio femminile senza scudetto per la Giovane Signora in bianconero al comando. E nella disastrata C la Juventus under 23 si gioca la coppa italia di categoria. A “questi” ragazzi, in bocca al lupo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: