AIA che dolore questi arbitri nella tempesta

Siamo ormai travolti dal timore di dover usare i dispositivi di protezione individuale parlando di vicende arbitrali. C’è puzza di bruciato, magari scopriremo che di vero c’è poco, ma conoscendo Alfredo Trentalange da sempre giacchetta nera con stola bianca starà soffrendo terribilmente. La stagione appena conclusa in serie A ci lascia l’eredità di un Var troppo volte interpretato, con un caso di malsenso clamoroso come Mazzoleni per due volte alla sala regia con la medesima squadra in campo. Insomma, nessun precedente. Nicola Rizzoli, come capo Can A creatura di Nicchi, sa che il tempo è scaduto e che le voci sul successore si rincorrono. Vedremo. Trentalange in carica da febbraio si è astenuto alle votazioni per la presidenza Figc (astensione politicamente corretta ma ininfluente) ed è da 40 anni nel settore, consapevole che ci sono mine sotterrate ovunque. Ma forse non si aspettava l’esplosione di uno scandalo dopo l’altro.

 L’ultimo terremoto riguarda i rimborsi spese, che alcuni di loro (tre direttori di gara e quattro assistenti) avrebbero presentato con presunte irregolarità, sulle quali sta indagando ormai da un mese la Procura federale insieme con quella arbitrale. Un’inchiesta aperta in seguito alla denuncia dell’Aia, l’Associazione italiana arbitri, che ha ravvisato anomalie in occasione di una serie di controlli effettuati nel nome della trasparenza invocata dal nuovo corso che ha rilevato discrepanze emerse alla metà di aprile e il 21 del mese scorso è partita la segnalazione agli 007 della Figc; nel contempo i tesserati coinvolti sono stati sospesi dall’attività «a scopo cautelativo». A finire sotto indagine sono gli arbitri Fabrizio Pasqua (della sezione di Tivoli), Federico La Penna (Roma uno) e Ivan Robilotta (Sala Consilina, mai impiegato in serie A), più quattro guardalinee. Sarebbero già stati ascoltati tutti quanti da Giuseppe Chiné, capo della Procura, il quale si è attivato anche se recentemente c’è chi ne punge la presenza per un incarico al Ministero Economia e Finanze.

Non bisogna meravigliarsi se la macchia nera riguarda qualche centinaio di euro, collegati ai rimborsi chilometrici, taxi, si dice perfino tamponi ai quali devono sottoporsi i direttori di gara.. I gradi di giudizio sono Procura federale, Procura Aia, Commissione disciplinare di primo e secondo grado dell’Associazione italiana arbitri e ultimo giudizio Collegio di garanzia del Coni.

Non va dimenticato che la Procura della Federcalcio è da settimane al lavoro sulla denuncia secondo la quale sarebbe stata manipolata la graduatoria degli arbitri della Can B dell’Aia della stagione 2019-20, attraverso la falsificazione dei voti attribuiti. Esposto presentato alla Procura della Repubblica di Roma da due ex direttori di gara della Serie B, il varesino Daniele Minelli e il fiorentino Niccolò Baroni, che a conclusione dell’anno erano stati esclusi dall’organico.

Il malessere viene da lontano, dalla storia di Gavillucci che ne ha scritto un libro e dal rapporto della prestazione e dei voti che non corrispondevano. Lo ha detto Gianluca Ciotti, avvocato dei due arbitri, incongruenze che  riguardavano da vicino gli arbitri Robilotta (ancora) e Abbattista. Una delle contestazioni fatte era che i voti non venivano trasmessi in maniera rapida, anzi anche dopo due mesi, e soprattutto il referto non veniva comunicato.

 


Gianfranco Coppola
Capo Redattore Vicario
TGR
CPTV Napoli
Via Guglielmo Marconi, 9 – 80125 Napoli (NA)
Tel: +39 0817251366
Cell: +39 3356586719
Fax: +39 0815936994
e-mail: gianfranco.coppola@rai.it
web: www.rai.it


Nessuno e’ autorizzato mediante l’utilizzo della presente forma di comunicazione elettronica ad assumere obbligazioni di qualsivoglia tipo che possano vincolare la Societa’ con terzi, ne’ eventuali notizie fornite con il presente mezzo possono essere considerate in qualsiasi forma impegnative per la Societa’. Il presente messaggio, corredato dei relativi allegati, contiene informazioni da considerarsi strettamente riservate, ed e’ destinato esclusivamente al destinatario sopra indicato, il quale e’ l’unico autorizzato ad usarlo, copiarlo e, sotto la propria responsabilita’, diffonderlo. Chiunque ricevesse questo messaggio per errore o comunque lo leggesse senza esserne legittimato, e’ avvertito che trattenerlo, copiarlo, divulgarlo, distribuirlo a persone diverse dal destinatario e’ severamente proibito, ed e’ pregato di rinviarlo immediatamente al mittente distruggendone l’originale.

The use of this form of electronic communication shall authorise no-one to undertake obligations of any kind on behalf of the Company that are binding with respect to third parties, and the information supplied herewith shall not be binding on the Company. This email, and its attachments, contains strictly confidential information addressed exclusively to the above mentioned addressee, who is the only person authorised to use, copy and disclose it, under his/her own responsibility. If you have received this message by mistake, or read it without being authorised to do so, please be reminded that the storage, copying, disclosure and distribution to persons or parties other than the addressee are strictly prohibited. Please therefore return it immediately to the sender and destroy the original.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: