Napoli, devi ringhiare più del Milan per spaventare la Juventus

Basta la faccia. Ma anche i soprannomi dicono spesso tutto, sono uno slogan: ringhio. Gattuso è forza e carattere, ira e affetto. Crede nel milan: appena confermato, si gioca l’europa league in un finale di campionato arroventato.

Ammira Sarri (“un maestro”) aspetta disinvoltamente reina, ma soprattutto spronta Gigio Donnarumma: “in porta è il futuro”.

Carica tutti, alla sua maniera. Per il napoili, è una pre-finalissima, certamente la più complicata nel momento in cui i rossoneri devono non sbagliare più un colpo. Non solo la Juventus per la finalissima del 22 ma anche l’Udinese mercoledi dipendono dalla sfida del Meazza, quartiere San Siro, La Scala del calcio. Ovviamente mentre Gattuso ha parlato di tutto di più, il Sarri-pensiero va solo interpretato. Una volta c’era la scusa delle gare internazionali che lo costringevano a parlare prima e dopo: quando, per rinuncia, è finita anche questa incombenza, l’allenatore preferisce vivere nel suo mondo.- “Vuole evitare domande scomode sul rinnovo”, suggerisce una voce di dentro di casa a Castelvolturno. Ma a certi livelli è d’obbligo il salto di qualità anche dialettico. E questa non è un’altra storia. Non si vince solo sul campo, ancorchè sia la cosa più importante per i risultati. Sarri ha un solo dubbio, considerando che l’esperto e serissimo Maggio giocherà a destra e Hjsay spostato a sinistra. E e cioè se preferire in avvio la velocità di Mertens contro i fusti Musacchio e Zapata, non velocissimi, che sostituiranno Bonucci e Romagnoli o stancare i due in avvio con  la prepotenza fisica di Milik per poi inserire il bekga all’occorrenza per il finale a tavoletta, dove velocità, possesso palla, conquista di punizioni saranno fattori utili.

Lo scopriremo allo stadio, laddove da Reina – proprio lui che sembra più che promesso sposo al Milan – all’ultimo dei convocati dovranno dare quel di più di più di più di  un pur portentoso ringhio. Il calcio italiano ha elogiato finora la novità Napoli. Giustamente. L’opera va completata ora col pallone che prende peso col passare delle domeniche.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: